Cartella clinica:

Anamnesi

Tex è un cane da lavoro, robusto con il mantello nero incute qualcosa più di un atteggiamento di timore reverenziale : è una vera macchina da guerra. E’ riferito molto competitivo al campo di addestramento : scatta di fronte a qualunque altro cane. Inavvicinabile in Ambulatorio per manipolarlo devo sia sedarlo che chiedere aiuto al Proprietario per contenerlo e per riuscire a eseguire l’esame radiografico, pur sdraiandolo soltanto sul fianco, devo addormentarlo completamente. Partecipa a tutte le competizioni nazionali della stagione e anche ai campionati internazionali in Germania: si blocca durante una competizione internazionale e viene rimandato in Italia sotto terapia cortisonica.Il Medico curante sentenzia che il cane non potrà più lavorare e che in un tempo più o meno contenuto si bloccherà e non riuscirà più a muoversi. Allora saranno costretti ad abbatterlo o a sottoporlo ad intervento chirurgico.

01 Febbraio 1999

Esame Radiografico:  Spondilosi di IV°grado L7-S1.

25 Febbraio 1999 Prima visita.     Età : 6 anni e 9 mesi.

La terapia cortisonica ha sortito pochi effetti : il cane al termine della seduta di lavoro non riusciva nemmeno a salire e scendere dall’auto. Andava sollevato di peso e appoggiato nel baule dell’auto. Al passo alternava una normale andatura ad improvvise zoppie e cedimenti dei due arti posteriori. Tex ha una grande ” passione ” per il suo lavoro e l’allenamento lo motiva ad elevare la soglia del dolore, ma comunque manifesta: dolore alzandosi dalla posizione ” a terra ” perché spinge moltissimo con il posteriore e non riesce ad aiutarsi con un colpo di reni, e dolore quando ” carica ” prima di saltare l’ostacolo, mentre quando atterra in qualche modo attutisce sul treno anteriore. Quando scavalca la palizzata si evidenzia intenso dolore quando si arrampica mentre si butta nella fase di discesa. quando carica il peso sul treno posteriore per spiccare il balzo che lo porta a mordere il figurante, circa tre metri prima rallenta la corsa e manifesta dolore, poi si attacca alla manica ed evidenzia una marcata zoppia degli arti posteriori quando se ne allontana dopo averla rilasciata.  TERAPIA Rimedio Costituzionale

Il risultato è stupefacente: Tex ha un ottimo recupero. Durante le prime quattro settimane ha sospeso gli allenamenti intensi al campo ed è stato portato accompagnato durante lunghe camminate su fondi erbosi. alla quinta settimana ha ricominciato ad allenarsi al campo evitando gli sforzi più dolorosi. Alla fine del terzo mese è ritornato all’agonismo.

Ottobre 1999

Competizione nazionale : Tex fisicamente sta benissimo, non manifesta alcun dolore e non commette errori, mentre sbaglia il conduttore.

Giugno 2000

Esegue la miglior gara della sua carriera : vince in Emilia Romagna.

Ottobre 2000

Tex fisicamente non ha nessun problema ma il conduttore ripete un errore. La sua prova è stata superlativa ed è dimostrata dal filmato che lo ritrae.

Altri filmati della gara:

2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13

21 Marzo 2001 Età : 8 anni e 10 mesi.

Il Proprietario è venuto in Ambulatorio su mia richiesta molto volentieri : vogliamo documentare l’evoluzione della patologia della colonna vertebrale.

Esame Radiografico in posizione latero-laterale :

Spondilosi di IV°grado L7-S1.

In questi due anni il quadro è rimasto immutato nonostante l’intensa attività agonistica a cui è sottoposto. Tex mentre commento con il Proprietario le radiografie scende dal tavolo spiccando un salto che sottolinea una recuperata elasticità. Da Maggio 1999 il cane non ha più ripetuto terapie e pur essendo sottoposto ad intenso stress psico-fisico non ha più zoppicato o manifestato dolore alla schiena. Il suo padrone mi ha riferito soddisfatto di avere avvicinato molta gente all’Omeopatia : sia per loro stessi che per i loro animali con ottimi risultati.

Tex successivamente non manifestò particolari problemi al rachide e dopo averlo ritirato dalle manifestazioni agonistiche trascorse gli ultimi anni della sua vita pattugliando l’ampio giardino di una villa in campagna  guadagnandosi il pane facendo la guardia da par suo.