Riuscire ad arrivare ad una diagnosi certa di Degenerazione Mielinica non è semplice.

Devono essere escluse tutte le patologie che possono dare incoordinazione o debolezza del treno posteriore; in tal senso è necessario innanzitutto sottoporre il paziente ad una serie di radiografie per poter escludere alterazioni a livello dei dischi intervertebrali o della colonna vertebrale in generale.

spondilosi
Spondilosi Vertebrale (riquadro rosso), può dare gli stessi sintomi della Mielopatia degenerativa.

Una visita neurologica permette la localizzazione della lesione; nel nostro caso la parte più importante è quella relativa alle reazioni posturali, riflessi spinali, tono e tonicità muscolare, sensibilità. Attraverso questi passaggi si riesce quindi a definire la sede della lesione.

In particolare il mancato posizionamento dell’arto nella prova della propriocezione (vedi foto #) indica un deficit a livello di nervi periferici; i riflessi spinali coinvolgono sia nervi periferici afferenti (che portano cioè l’informazione dalla periferia al centro) che efferenti (dal centro alla periferia) oltre ai centri nervosi superiori e vengono indicati come arco riflesso. Un aumento della reazione a questi riflessi comporta una localizzazione della lesione nel motoneurone superiore, una diminuzione o assenza coinvolge il motoneurone inferiore.

mancanza-propriocezione
Soggetto con mancata propriocezione dell’arto posteriore sinistro. Credit to Ospedale San Michele

Vengono proposti altri esami strumentali quali la Risonanza Magnetica e la Mielografia quando non sia possibile arrivare alla localizzazione della lesione attraverso gli altri esami effettuati.

In sede di autopsia si può poi analizzare microscopicamente la condizione dei nervi; si è visto come in soggetti afflitti da Mielopatia Degenerativa venga confermata una demielinizzazione degli assoni della colonna vertebrale (Fig. A), oltre a un gonfiore nella porzione dell’assone degli stessi nervi (fig # –foto microscopica2–)

microscopica1
Fig. A – Demielinizzazione (freccia nera) in un Jack Russel. Sisò et al, 2006
micro2
Fig. B – Gonfiore degli assoni in un Jack Russell. Sisò et al, 2006
1 – S. Sisò et al. 2006 – Neurodegenerative diseases in domestic animals: a comparative review – The Vet. Journal 171 (2006) 20-38.
2 – TW. Fossum et al. 2007 – Small Animal Surgery, third ed.
3 – T. Awano et al. 2008 – Genome-wide association analysis reveals a SOD1 mutation in canine degenerative myelopathy thath rensembles amyotrophic lateral sclerosis – Proc Ntl Acad Sci USA 2009, 169, 2794-2799.
4 – R. Clemmons 1992 – Degenerative Mielopathy – Vet. Clin. North Am. Small Anim. Pract. 22, 965-971.
5 – JR Coates, FA Wininger 2010 – Canine Degenerative Myelopathy - Vet. Clin. North Am. Small Anim. Pract. 40, 929-950.
6 – I Kathmann et al 2006 – Daily controlled physiotheraphy increases survival time in dogs with suspected Degenerative Myelopathy – J Vet Intern Med 20, 927-932.
7 – GF Yarim 2012 – A new strategy in treatment of neurodegenerative diseases: Neurosteroids – Ankara Univ Vet Facultesi Dergisi
8 – PE Johnston et al 2000 – Central Nervous System pathology in 25 dogs with chronic degenerative radiculomielopathy – Vet Rec 146, 629-633.