Diagnosi

Dott.ssa Chiara Scerna – chiara.scr@alice.it

 

La dermatite atopica, come tutte le malattie pruriginose del cane e del gatto, presenta un’ampia diagnosi differenziale che rende quanto mai ostica la diagnosi di certezza.

L’iter diagnostico prevede la valutazione della storia clinica del paziente, dei dati anamnestici, del quadro sintomatologico (localizzazione ed aspetto delle lesioni), degli esami di laboratorio quali raschiati cutanei, esame con lampada di Wood, tricogramma, scotch test, esami isto/citologici, esami coprologici e test allergologici. L’approccio alle dermatiti/dermatosi pruriginose è diretto all’identificazione di tutte le patologie sottostanti e secondarie per isolare la malattia primaria; dopo aver escluso tutte le possibili cause di prurito si arriva a formulare la diagnosi di dermatite atopica.

Algoritmo del prurito

 

L’esame bioptico e di difficile interpretazione poiché la sua affidabilità dipende strettamente dalla scelta corretta delle lesioni da sottoporre ad esame isto-citologico; la biopsia potrebbe non individuare l’esatta causa della patologia ma può aiutare nella diagnosi differenziale tra neoplasie, infezioni (follicolite, cellulite), alterazioni della cheratinizzazione, malattie immunomediate o endocrine, reazioni di ipersensibilità (eosinofili, mastociti) ed eventuali cause psicogene (per assenza di infiammazione).

Bibliografia:

Ettinger SJ, Feldman EC “Trattato di Clinica Medica Veterinaria: malattie del cane e del gatto” vol. 1-2 Antonio Delfino Editore, 2001.

Linda Medleau,Keith A. Hnilica “Dermatologia del cane e del gatto. Atlante a colori e guida alla terapia” seconda edizione Elsevier Masson 2007 Milano

Michael Schaer “Medicina clinica del cane e del gatto” Edizione Masson Elsevier. Milano. 2006

Robert Moraillon,Yves Legeay “Dizionario pratico di terapia canina e felina” quarta edizione Masson 2006 Milano

Éric Guaguère,Emmanuel Bensignor “Terapia dermatologica del cane” Manuale di Medicina Veterinaria edizioni masson s.p.a. 2005 Milano