Esame radiografico

 

Dott. Mauro Dodesini – mauro.dodesini@omeopatiapossibile.it

 

Fondamentale per una diagnosi corretta.

Due Proiezioni oblique :

a) con leggera pronazione,

b) in leggera supinazione.

Entrambe con il gomito flesso a 30°:

a) permettono di evidenziare il processo coronoideo sottraendolo alla sovrapposizione con il radio.

b) Attraverso una prospettiva tangenziale del condilo mediale dell’omero aiutano a diagnosticare o ad escludere una OCD.

c) OCD del condilo omerale : “ zona di difetto” a livello dell’osso sub-condrale che può rimanere limitata o ingrandirsi fino ad interessare gran parte del condilo mediale.

d) Nel caso di frammentazione del processo coronoideo verso il 7°-8° mese di vita sono riscontrabili alterazioni artrosiche secondarie : osteofiti.

Osteofitosi del processo coronoideo mediale

Osteofitosi del processo anconeo

Osteofitosi degli epicondili laterale e mediale dell’omero

 

 

Proiezione cranio-caudale :

Evidenzia la gravità della patologia degenerativa articolare ed esclude o sottolinea altre patologie della stessa articolazione del gomito.

Normalmente la patologia degenerativa è tanto più grave quanto più risale nel tempo la prima manifestazione della patologia.

 

Esame TAC

E’ una tecnica diagnostica molto attendibile in grado di mettere in evidenza precocemente il frammento di processo coronoideo prima che si instaurino alterazioni artrosi che importanti ed invalidanti.