Peritonite Infettiva Felina (FIP)

FIP: sintomatologia

Sintomatologia

Dott.ssa Chiara Dissegna – chiara.disegna@libero.it

 

I sintomi clinici dipendono totalmente dalla presenza o meno della mutazione virulenta

Infezione da coronavirus

Dopo l’infezione iniziale da FCoV,  possono esserci brevi episodi di sintomi alle alte vie respiratorie, anche se i sintomi usualmente non sono così importanti da richiamare l’attenzione. L’infezione può causare una transitoria e lieve diarrea con o senza vomito come risultato della replicazione del virus negli enterociti. I gattini infetti da FCoV generalmente sviluppano più facilmente diarrea. Qualche volta si aggiunge un problema di crescita stentata e occasionalmente hanno sintomi respiratori. In rare occasioni il virus ha causato vomito o diarrea importanti che non hanno risposto a trattamento per mesi.

La maggior parte dei gatti infetti da FCoV sono asintomatici.

Peritonite infettiva felina

I segni clinici della peritonite infettiva felina sono variabili, poiché possono essere interessati vari organi, compresi fegato, rene, pancreas occhi e sistema nervoso centrale. I segni clinci e i ritrovamenti patologici in corso di FIP sono la diretta conseguenza delle vasculiti. In tutti i gatti con sintomi non specifici, come un dimagramento cronico o febbre di origine sconosciuta resistente agli antibiotici o ricorrente, la FIP deve essere presa in considerazione in corso di diagnosi differenziali.

Nei casi di infezione naturale, il tempo esatto che intercorre tra la mutazione e lo sviluppo dei segni clinici è sconosciuto e quasi sicuramente dipende dal sistema immunitario individuale del gatto. Molto facilmente, la malattia diventa sintomatica in un tempo dopo la mutazione che varia da poche settimane fino ai 2 anni.

Sono state identificate 3 forme di FIP:

1) effusiva, essudativa, forma umida
2) non effusiva, non essudativa, secca, granulomatosa, parenchimatosa
3) forma mista

La prima forma è caratterizzata da peritonite fibrinosa, pleurite o pericardite con effusione nell’addome, nel torace e /o nel pericardio. La seconda forma senza effusioni evidenti, è caratterizza da modificazioni granulomatosi in diversi organi, inclusi gli occhi e il SNC. Nello stesso tempo è stato dimostrato che questa suddivisione scolastica delle tre  forme non è utile nella pratica, poiché contemporaneamente nello stesso gatto coesistono sempe effusioni grandi o piccole in combinazione con più o meno lesioni granulomatose in vari organi nello stesos gatto con FIP. In aggiunta, una forma può trasformarsi in un’altra.


Sintomi oculari

I gatti con FIP presentano freb2quentemente lesioni oculari.La lesione più comune, ma non evidente,  è a livello retinico.E’ opportuno quindi fare in tutti i casi di sospetta malattia un esame della retina. La FIP può causare lesioni alla vascolarizzazione retinica, che può apparire come una linea confusa grigiastra dall’altro lato del vaso. Occasionalmente si possono riscontrare granulomi retinici, emorragia retinica e/o distacco della retina. La sintomatologia tuttavia non è patognomonica: simili sintomi si possono riscontrare in altre malattie, come toxoplasmosi, infezioni fungine sistemiche, FIV e FELV.

Un’altra comune manifestazione oculfeline_uveitisare è l’uveite. L’uveite è un’infiammazione della tonaca uveale dell’occhio, che è formata da iride, corpi ciliari e vasi coroidali. Una  leggera uviete può manifestarsi con un cambio di colore dell’iride. Di solito, parte o tutta dell’iride diventano marroni, anche se occasionalmente gli occhi blu appaiono verdi. L’uveite si può anche manifestare come una vampata acquosa, con un opacamento della camera anteriore, il quale può essere visionato solo in una stanza buia usando illuminazione focale. Un largo numero di cellule infiammatore nella camera anteriore passano sul dietro della cornea e causano precipitati cheratinici che possono essere nascosti dalla membrana nittitante. In certi gatti, c’è emorragia nella camera anteriore. Se l’umor acqueo esce, si possono rilevare elevate proteine e pleociti.

Sintomi neurologici

La FIP è una causa comune di disordini neurologici nei gatti. Sono molto variabili e riflettono l’area del SNC colpito. Di solito le lesioni sono multifocali. I sintomi più comuni sono atassia, seguiti da nistagmo. In aggiunta possono essere riscontrati incordinazione, tremori non volontari, iperestesia, cambi del comportamento e difetti dei nervi cranici.  Se i nervi cranici sono coinvolti, i sintomi neurologici possono essere deficit o perdita del riflesso della minaccia, a seconda del nervo coinvolto. Se la lesione della FIP è localizzata in un nervo periferico o nel midollo spinale, atassia progressiva, tetraparesi, emiparesi o paraparesi.

I commenti sono chiusi.