Lattazione

Dott.ssa Chiara Dissegna – chiara.dissegna@gmail.com

La produzione di latte da parte della ghiandola mammaria inizia da 1 a 5 giorni prima del parto. Il primo alimento che i cuccioli assumeranno è il colostro, indispensabile per trasferire ai neonati l’immunità passiva, come immunoglobuline e altri fattori. Questo passaggio deve avvenire entro breve tempo dalla nascita (circa 24 ore), in quanto le immunoglobuline sono proteine di grandi dimensioni e per poter essere assorbite devono sfruttare la permeabilità temporanea dell’intestino.

Il colostro, oltre alla sua funzione immunologica e nutrizionale, contribuisce in maniera rilevante al volume della circolazione postnatale fondamentale per evitare deficit circolatori nel neonato.

La composizione del latte va incontro a modificazioni nel corso dell’allattamento, per rispondere alle necessità dei cuccioli. Durante le prime 24-72 ore il colostro si traforma in latte maturo, rispetto al quale presenta un contenuto inferiore in solidi totali lipidi e proteine. Il latte di cagna ha una concentrazione rilevante di ferro, proprio per le elevate necessità di questo elemento nelle prime settimane di vita.

La composizione del latte è nei mammiferi è molto differente a seconda della specie. Il cane produce un latte che contiene dal 21-26/ contenuto solido, 8-12% grasso, 7-10% proteine, anche se sono stati riportati dei livelli proteici più bassi.

da "Lactation in the Dog" di Oftedal

Una femmina di pastore tedesco produce circa 1,7 kg di latte al giorno nel picco di lattazione 3 giorni dopo il parto. Ovviamente le razze più piccole ne producono meno, ma si è calcolato che i cuccioli a 4 giorni di vita consumano in latte l’equivalente del 10-14% del loro peso corporeo.

Alimentazione

Nel periodo dell’allattamento la femmina deve essere alimentata in modo ottimale per produrre latte a sufficienza. L’assunzione di cibo aumenta dopo il parto e raggiunge il massimo 3-4 settimane dopo. Nell’ultima parte di gravidanza e durante la seconda, terza e quarta settimana di lattazione, la richiesta energetica aumenta rispettivamente del 20%, 50%, 75% e 100%. Importante che la dieta contenga sufficienti quantità di calcio, fosforo e vitamine.

Immediatamente dopo il parto il peso della cagna non dovrebbe deviare più del 5-10% del peso medio al di fuori della gravidanza; l’alimentazione deve essere moderata in quanto un’esagerazione può interferire con la produzione lattea e causare l’”eczema da latte” nei cuccioli.

Se i cuccioli hanno latte a sufficienza dovrebbero assumere la forma a pera, con la parte più pesante in basso, ed essere saldi e pesanti alla presa. I cuccioli che assumono adeguatamente il latte della madre si accrescono rapidamente fra il parto e lo svezzamento (intorno alla 5-6 settimana di età), spesso moltiplicando di 3-6 volte il loro peso alla nascita.

Bibliografia

Oftedal “Lactation in the dog: milk composition and intake by puppies”

Christiansen “La riproduzione del cane e del gatto”

Joe Bartges “Il cucciolo sano” Scivac 1995