Leptospirosi

Dott.ssa Chiara Dissegna – chiara.dissegna@libero.it

 

La maggior parte dei vaccini in commercio contiene sierotipi inattivati di L. canicola e L. icterohaemorrhagiae. La vaccinazione con questi prodotti non è consigliati nei soggetti con meno di 9 settimane a causa della tendenza allergenica del prodotto. Secondo alcuni studi, i titoli anticorpali post vaccinali potrebbero durare in qualche soggetto anche per 12 mesi. I vaccini inattivati antileptospirosi tuttavia non sono in grado di proteggere il paziente dallo stato di portatore sano che può svilupparsi in seguito all’esposizione dello stesso al microrganismo. Un altro grosso problema è la mancata cross reazione di questo vaccino con le altre varietà di leptospira presenti e che infettano il cane (L.interrogans, L. pomona..). In America sono stati messi sul mercato vaccini per altre varianti di Leptospira, ma la vaccinazione contro tutti i sierotipi è comunque resa impossibile dall’incidenza di episodi acuti di anafilassi in cani giovani (soprattutto sotto le 12 settimane di vita) e nelle razze nane (indipendentemente dall’età).