Leucemia felina


La leucemia felina (FelV) è una malattia gatovirale diffusa su tutto il pianeta. Il virus (FelV) viene trasferito con la saliva e le secrezioni nasali da gatto a gatto, mediante morsi, grooming oppure utilizzo delle stesse ciotole. Il virus si può anche trasmettere attraverso le trasfusioni di sangue di un gatto infetto, per via intrauterina o infine  con il latte materno. La persistenza nel’ambiente è ridotta.

I sintomi clinici dell’infezione da FeLV sono rappresentati principalmente dallo sviluppo di neoplasie, anemia e insorgenza di varie altre malattie derivanti dall’immunosoppressione.

I gattini sono più sensibili all’infezione: la resistenza a questa malattia aumenta con l’età. I gatti più a rischio sono quelli che conducono vita all’aperto (gatti domestici che possono regolarmente uscire, gatti randagi o rinselvatichiti). A rischio sono anche i gatti che vivono in colonie, gatti che vivono con soggetti malati  o dove la sicura assenza di FelV non è mai stata accertata.

Vaccino: Bisogna ricordare che, poiché la protezione dopo vaccinazione non si stabilisce nlla totalità dei soggetti, la via migliore per prevenire l’infezione è quella di evitare il contatto con altri gatti infetti. La capacità dei vari vaccini in commercio di indurre  una risposta immunitaria sufficiente ad opporsi ad una viremia persistente cambia nei vari studi effettuati.

La decisione di vaccinare un singolo gatto contro questo virus deve basarsi sull’età del soggetto e sul suo rischio di esposizione. Prima di vaccinare, è necessario eseguire il test per il FelV: se risulta positivo e non devono essere vaccinato e deve essere allontanati dagli altri gatti. In caso negativo, il gatto può essere vaccinato e il richiamo sarà annuale, preceduto sempre dal test.

Gli effetti collaterali associati a questo vaccino sono tumefazione e dolorabilità nel sito di inoculo, letargia transitoria, febbre e formazione di granulomi post vaccinali. E’ uno dei vaccini, insieme a quello per la rabbia, collegati allo sviluppo di sarcomi nel sito di iniezione.