Linfoma epatosplenico

Dott.ssa Chiara Scerna – chiara.scr@alice.it

 

Il linfoma invade fegato e milza formando masse solide, rotondeggianti e biancastre, generalmente ben delimitate e suprficiali, con dimensioni variabili; più raramente ne infiltra il parenchima (la forma infiltrativa è più comune per le leucemia).

 

 

Al livello ecografico, per questa caratteristica di diffusione localizzata e solida, è possibile apprezzare aree ad ecogenicità ridotta rispetto al normale parenchima epatosplenico, disposte in noduli ben delimitati, ma privi di capsula, o sotto forma di masse di grandi dimensioni occupanti l’organo.

L’aumento di volume dell’organo interessato è generalmente asimmetrico, mentre nella forma infiltrativa, che ricorda le leucemie linfatiche, l’epato-splenomegalia è simmetrica ed il parenchima può apparire ad ecogenicità variabile.

La sintomatologia del linfoma epatosplenico è evidente con anoressia, vomito, ittero, ascite, perdita di peso ed anemia.

Aspetti ecografici:

 

 

Bibliografia: Nelson RW, Couto CG “Medicina Interna del cane e del gatto” seconda edizione italiana Masson, 2002.

P.S. Marcato “Patologia sistematica veterinaria” Edagricole, 2002.

P.S. Marcato “Anatomia e Istologia Patologica Generale Veterinaria” Terza edizione Edagricole. 1997.  Immagini www.cardiec.com