Introduzione

Dott.ssa Chiara Dissegna – chiara.dissegna@gmail.com

La toxoplasmosi è una zoonosi causata da Toxoplasma gondii (Phylum: Apicomplexa, Classe: Sporozoea) unica specie del genere in grado di parassitare gran parte delle specie a sangue caldo. Si tratta di un protozoo a parassitismo endocellulare obbligato.

E’ una delle infezioni umane più comuni al mondo: nei paesi Occidentali il 50% degli adulti presenta sieropositività, in paesi dove le condizioni igieniche sono scarse il 90%.

I felini (gatto, puma e lince) sono gli ospiti definitivi per gli stadi sessuali del parassita e rappresentano quindi i principali serbatoi di infezione. L’uomo, insieme a molte altre specie, rappresenta invece l’ospite intermedio.

L’infezione è usualmente asintomatica; nei soggetti immunocompressi tuttavia essa si può riattivare e dare quadri neurologici, o più raramente manifestazioni a carico degli altri organi.

La toxoplasmosi è ad alto rischio invece nel caso in cui venga contratta in gravidanza: l’infezione può infatti passare al bambino attraverso la placenta,  provocando in determinate circostanze malformazioni o addirittura l’aborto o la morte in utero