Terapia

Dott.ssa Chiara Scerna – chiara.scr@alice.it

 

L’approccio terapeutico nei confronti del megaesofago è volto ad eliminarne la causa e correggerne le complicanze; nei casi più ostici e nel megaesofago idiopatico, quando la terapia eziologica non è possibile perché non si conosce la patologia sottostante, risulta utile mantenere il paziente in posizione eretta dopo ogni pasto per facilitare lo svuotamento dell’esofago. La somministrazione di piccole porzioni di alimento o di cibi liquidi facilita l’arrivo delle ingesta nello stomaco preservando il più possibile l’assorbimento delle sostante nutritive. In taluni casi di severa emaciazione è possibile alimentare l’animale tramite l’utilizzo di sonde gastriche associate alla terapia fluida per ristabilire l’equilibro idricoelettrolitico.

Bibliografia:

Ettinger SJ, Feldman EC “Trattato di Clinica Medica Veterinaria: malattie del cane e del gatto” vol. 1-2 Antonio Delfino Editore, 2001.

Stephen J. Birchard,Robert G. Sherding “Medicina e chirurgia degli animali da compagnia. Manuale pratico” Terza edizione Elsevier Masson. 2009.

Nelson RW, Couto CG “Medicina Interna del cane e del gatto” seconda edizione italiana Masson, 2002.

Michael Schaer “Medicina clinica del cane e del gatto” Edizione Masson Elsevier. Milano. 2006.

Wilfried R. Kraft,Ulrich M. Dürr “Trattato di medicina e chirurgia del gatto” Edizioni Masson SPA. Milano. 2001.