Sistema Nervoso Centrale

Il Sistema Nervoso è suddiviso in tre parti: Centrale, Periferico e Autonomo.

Al primo appartengono il cervello ed il midollo spinale, all’interno del secondo troviamo invece tutti i nervi che dal midollo spinale innervano i tessuti e gli organi; il Sistema Nervoso Autonomo raggruppa tutti quei nervi che non possono essere governati in modo volontario (come quelli relativi alla respirazione e alla dilatazione pupillare).

struttura 1
credits futuravet.it

L’unità funzionale del SN è il neurone. Questa cellula è composta da:

–        Dendriti: assomigliano ai rami di un albero, ciascuno è connesso con un neurone differente e ricevono gli impulsi nervosi;

–        Soma o corpo cellulare: qui si trovano tutti gli organuli cellulari, dal nucleo al reticolo endoplasmatico. È in connessione con i dendriti da una parte e con l’assone dall’altra;

–        Assone: è come un filo elettrico, conduce l’impulso nervoso ed è ricoperto dall’alternanza di cellule mieliniche e piccoli spazi definiti Nodi di Ranvier, dove gli ioni possono passare la membrana cellulare. La forma del neurone varia a seconda della localizzazione anatomica.

–        Sinapsi: qui l’impulso arriva a fine corsa; a livello dei bottoni sinaptici si instaurano scambi elettronici che permettono il passaggio dell’impulso ad altri neuroni.

neurone 1
credit to laboratorioneurocognitivo.it

La funzione del neurone è quella di trasmettere informazioni sotto forma di impulsi nervosi dal centro alla periferia (cioè dal cervello agli organi), e viceversa. L’impulso nervoso viene quindi captato dai dendriti, rielaborato nel soma e trasmesso alle altre cellule attraverso l’assone e poi le terminazioni sinaptiche.
https://www.youtube.com/watch?v=vkjbK10UJS4

L’impulso nervoso è come una scarica elettrica, che andrebbe persa lungo l’assone se questo non fosse ricoperto da uno strato mielinico. Quest’ultimo può essere paragonato alla plastica che isola i fili di rame e permette alla corrente elettrica di arrivare intatta a destinazione. A livello dei nodi di Ranvier gli scambi elettronici permettono all’impulso di “ricaricarsi” e proseguire così il proprio percorso con la medesima intensità.

Ogni volta che si ha una alterazione in uno dei settori che compongono il neurone, si può avere una diminuzione dell’intensità dell’impulso fino ad una totale assenza dello stesso, o anche un aumento delle scariche elettriche fino ad un cortocircuito.
https://www.youtube.com/watch?v=k6Lc7BaqBBY

In questa sezione verrà presa in considerazione una classe di patologie degenerative che colpiscono il SNC tutte caratterizzate dalla perdita di integrità funzionale dei neuroni.

Bibliografia
1 – S. Sisò et al. 2006 – Neurodenerative diseases in domestic animals: a comparative review – The Vet. Journal 171 (2006) 20-38.
2 – TW. Fossum et al. 2007 – Small Animal Surgery, third ed.
3 – T. Awano et al. 2008 – Genome-wide association analysis reveals a SOD1 mutation in canine degenerative myelopathy thath rensembles amyotrophic lateral sclerosis – Proc Ntl Acad Sci USA 2009, 169, 2794-2799.
4 – R. Clemmons 1992 – Degenerative Mielopathy – Vet. Clin. North Am. Small Anim. Pract. 22, 965-971.
5 – JR Coates, FA Wininger 2010 – Canine Degenerative Myelopathy - Vet. Clin. North Am. Small Anim. Pract. 40, 929-950.
6 – I Kathmann et al 2006 – Daily controlled physiotheraphy increases survival time in dogs with suspected Degenerative Myelopathy – J Vet Intern Med 20, 927-932.
7 – GF Yarim 2012 – A new strategy in treatment of neurodegenerative diseases: Neurosteroids – Ankara Univ Vet Facultesi Dergisi
8 - PE Johnston et al 2000 - Central Nervous System pathology in 25 dogs with chronic degenerative radiculomielopathy - Vet Rec 146, 629-633