Richiami di anatomia e fisiologia

Richiami di anatomia e fisiologia

Dott. Simone Amaglio – info@vetzoonosis.net

 

La trachea è un organo dinamico costituito da anelli di cartilagine ialina (42-46 nel cane) uniti tra loro da legamenti fibro-elastici; in questo modo l’organo può compiere movimenti di flesso-estensione senza compromettere, nelle condizioni normali, la pervietà delle vie aeree. Dorsalmente gli anelli cartilaginei sono collegati alle loro estremità dalla membrana tracheale dorsale, la quale permette l’aumento e la diminuzione del diametro tracheale e lo spostamento dell’aria al suo interno. Nello spessore della parete della trachea si trova la muscolatura tracheale (muscolatura liscia) e la sua superficie interna è tappezzata da epitelio colonnare pseudostratificato ciliato.

 

 

Diapositiva01
Apparato respiratorio normale del cane (Hill's Atlas of Veterinary Clinical Anatomy)

 

 

 

Esternamente alla trachea lungo entrambi i lati si trovano i fasci vascolari costituiti dall’arteria carotide comune, dalla vena giugulare interna, e nervosi dati dal tronco vago-simpatico e dal nervo laringeo ricorrente; questo a sinistra non è compreso nel fascio e si trova dorso-lateralmente alla trachea. La vascolarizzazione continua nei vasi che penetrano tra un anello e l’altro, dividendosi ulteriormente nelle arterie tiroidee craniale e caudale e le arterie bronco-esofagee del tratto terminale della trachea.
Diapositiva02

Le fibre nervose derivanti direttamente dal nervo vago o dai nervi laringei determinano la costrizione dei muscoli tracheali e la secrezione ghiandolare, mentre la stimolazione delle fibre afferenti vagali della mucosa causa l’insorgenza delle sensazioni dolorifiche e della tosse.

Il diametro tracheale può ridursi per contrazione dei muscoli tracheali diminuendo così lo spazio morto ventilatorio, ma aumentando le resistenze del flusso aereo, che diventa più turbolento. Al contrario il diametro può aumentare per rilassamento dei muscoli riducendo così le resistenze del flusso.

In condizioni fisiologiche, durante la ventilazione si ha restringimento del tratto cervicale della trachea in inspirazione e di quello toracico in espirazione.