Immagine 2

Rottura patologica del legamento crociato:

eccessiva inclinazione del piatto tibiale

Dott.Mauro Dodesini – mauro.dodesini@omeopatiapossibile.it

Diapositiva2
Corso di clinica chirurgica veterinaria – Dott. C.M.Mortellaro, Dott.ssa Bevere


Eccessiva inclinazione del piatto tibiale:

angolo di inclinazione medio 23° (da 18° a 30° con limiti fino a 60°). In condizioni normali l’inclinazione del piatto tibiale produce una spinta tibiale craniale contrastata dal LCA. L’eccessiva inclinazione del piatto tibiale rompe l’equilibrio tra spinta tibiale craniale e LCA sovraccaricando quest’ultimo. Quando si creano queste condizioni la sollecitazione meccanica diventa intensa a causa dell’aumento della spinta tibiale craniale: l’esistenza di uno o più di questi fattori determinano lo squilibrio della biomeccanica articolare, una continua sollecitazione del LCA, modificazioni degenerative croniche secondarie del LCA, successiva sovradistensione, quindi ipersollecitazione e conseguente rottura spontanea.

Diapositiva03
Corso di clinica chirurgica veterinaria – Dott. C.M.Mortellaro, Dott.ssa Bevere
Diapositiva04
Corso di clinica chirurgica veterinaria – Dott. C.M.Mortellaro, Dott.ssa Bevere
Diapositiva05
Corso di clinica chirurgica veterinaria – Dott. C.M.Mortellaro, Dott.ssa Bevere

Bibliografia

Boirab M.J, Ellison G.W., Slocum B. “Tecninca chirurgica” UTET

Cheli R. “Clinica chirurgica veterinaria” UTET

Slatter “Trattato di chirurgia dei piccoli animali” SBM