Dott.ssa Chiara Scerna – chiara.scr@alice.it

L’osteoporosi è un disordine dell’architettura ossea caratterizzato dalla riduzione della resistenza e dall’aumento della fragilità del tessuto osseo.
Gli estrogeni svolgono un ruolo fondamentale nel mantenimento della massa ossea stimolando la secrezione di calcitonina (promuove la deposizione di calcio nelle ossa) ed agendo direttamente sulle cellule deputate alla produzione di tessuto osseo (osteoblasti). Nelle fasi iniziali del periodo puberale favoriscono l’ossificazione e l’allungamento delle ossa mentre al termine di tale fase promuovono la chiusura delle fisi ponendo fine al processo di accrescimento dell’osso.

L’osteoporosi non risulta essere un problema rilevante nella cagna e nella gatta, al contrario di quanto avviene nella donna, tuttavia a seguito della gonadectomia sono stati riscontrati la perdita di osso trabecolare ed un aumento del rischio di sviluppare patologie ortopediche come displasia dell’anca ed artriti.

La parte più esterna dell’osso è rappresentata dall’osso corticale (compatto) mentre la parte interna è costituita da trabecole (osso trabecolare o spugnoso)

La gonadectomia prepubere inoltre può ritardare la chiusura delle fisi favorendo un maggiore sviluppo in lunghezza delle ossa con possibile aumento del rischio di fratture fisarie (lesioni che interessano le cartilagini di accrescimento).

Le fratture fisarie possono verificarsi fino al termine del periodo puberale quando gli estrogeni promuovono la chiusura delle fisi e l’accrescimento dell’osso si arresta