Dott.ssa Chiara Scerna – chiara.scr@alice.it

L’approccio farmacologico viene adattato e modificato secondo il tipo di piodermite e delle eventuali cause sottostanti; l’iter terapeutico prevede la somministrazione di antibiotici per via sistemica e topica, il controllo del prurito, quando presente, e la gestione della patologia eventualmente sottostante.

Prima di intraprendere la terapia antibiotica sarebbe opportuno effettuare un esame colturale con antibiogramma per scegliere l’antibiotico più adatto ed efficace nei confronti dei microrganismi patogeni causa d’infezione.

In caso di sospetta o accertata compromissione del sistema immunitario o per la terapia di piodermiti profonde sono da preferire antibiotici ad azione battericida e non batteriostatica. Generalmente la terapia viene prolungata, sia per le piodermiti profonde che superficiali, oltre la remissione dei sintomi.

Per il trattamento delle piodermiti l’utilizzo dei corticosteroidi potrebbe non essere consigliato, soprattutto all’inizio della terapia; il cortisone, mascherando i sintomi della patologia cutanea, non permette una corretta valutazione del quadro clinico e contribuisce al mantenimento dell’infezione aumentando il rischio di recidive.

Il trattamento con shampoo medicati può essere molto utile come coadiuvante della terapia antibiotica sistemica; preceduta da una corretta rasatura del pelo ed effettuata massaggiando e frizionando la cute del cane la shampoo terapia rimuove croste e residui, riduce la carica batterica superficiale ed ha un effetto dermoprotettivo e lenitivo.