Ustioni

fuoco

La maggior parte delle ustioni consegue a contatto degli animali con acqua, olio o catrame bollente, oppure con altri liquidi (scottature), con fili elettrici (ustioni elettriche), nonchè ad imprigionamento degli animali in locali colpiti da incendio o al contatto con sostanza chimiche.

Classificazione in rapporto alla profondità delle lesioni (attenzione: la gravità di un’ ustione dipende soprattutto dall’estensione della stessa; è per questa ragione che un’ustione di primo o secondo grado molto estesa può essere più grave di una di terzo circoscritta).

 

I gruppo: ustioni superficiali. E’ interessata tutta l’epidermide e, in misura variabile, il derma e le strutture annesse (continua)

 

Immagine 2
Immagine da www.domusvet.it

 

 

II gruppo: ustioni poco profonde. La perdita di sostanza è maggiore rispetto alle ustioni del primo gruppo (continua)

 

Immagine 3
Immagine da www.domusvet.it

 

III gruppo: ustioni profonde. Sono interessati tutti gli strati cutanei: la lesione è dolorosa, il pelo cade e l’escara assume un colorito nero oppure bianco perlaceo (continua)

 

Immagine 4
Immagine da www.domusvet.it

 

 

IV gruppo: ustioni molto profonde. L’ustione interessa la muscolatura profonda e le ossa. L’escara è nera e sono evidenti tessuti carbonizzati.